La vita di ognuno di noi è fatta di gesti che, a causa dell’abitudine, consideriamo del tutto naturali, anche se spesso naturali non sono. L’uso dell’energia elettrica ne è l’esempio più significativo. Accendere la luce tornando a casa la sera, chiamare un ascensore, far partire il lettore cd, sono gesti che compiamo in modo automatico, pensando che siano circoscritti alla sfera del nostro vivere privato. Nulla di più sbagliato.
Quando accendiamo la luce a casa nostra ci connettiamo ad un sistema complesso, quello della produzione e trasmissione dell’energia, la cui gestione finora è sempre stata considerata al di fuori della nostra possibilità di intervento, e le cui radici, purtroppo, affondano in situazioni drammatiche: guerre per il petrolio, sfruttamento di risorse e di popolazioni nel sud del mondo, colonialismo economico, distruzione dell’ambiente e della nostra salute.
In ambienti che fanno riferimento alla giustizia sociale o all'economia solidale tutto ciò non è accettabile; una volta che una persona consapevole si rende conto di ciò, è difficile che possa continuare a premere quell'interruttore senza chiedersi se un’alternativa non sia possibile. Per tentare un approccio diverso al grande problema dell’Energia nel 2008 si è dato vita alla Cooperativa Retenergie, che rappresenta un nuovo modello di gestione del Bene Comune Energia, attraverso un processo che coinvolge direttamente i cittadini.

Questa di seguito, in sintesi, la nostra storia.

 
Retenergie nasce per produrre e consumare collettivamente energia elettrica prodotta da impianti alimentati da fonti rinnovabili a basso impatto ambientale. Realizzare impianti collettivi vuol dire raccogliere capitale sociale tramite azionariato popolare e scegliere in assemblea quali tecnologie adottare. 
     dicembre 2008
 
 
Grazie al conto energia e ad un iter autorizzativo percorribile in pochi mesi, si realizzano i primi impianti fotovoltaici sulle coperture di due istituti scolastici a Fossano (CN) e Cuneo. L'acquisizione del diritto di superficie per l'installazione dei moduli viene compensata con l'installazione gratuita di due piccoli impianti fotovoltaici a favore delle due scuole.
Nel frattempo si presentano richieste di autorizzazione per l'installazione dei primi impianti idroelettrici.
       2009 - 2010
 
I tecnici di Retenergie cominciano a fornire consulenza energetica agli altri soci della cooperativa. In Piemonte nascono i primi Gruppi di Acquisto Fotovoltaici, permettendo così a numerose famiglie di poter installare sulla propria abitazione impianti fotovoltaici a prezzi convenzionati e con garanzie di qualità assicurate dalla cooperativa.
            2010
 
 
L'energia prodotta dagli impianti piemontesi (a cui se ne aggiungono anche altri in Emilia e Lombardia) viene ceduta alla rete e contribuisce all'innalzamento della quota di produzione di energia rinnovabile in Italia. Per creare un circuito ideale tra produzione e consumo si stipula una convenzione con Trenta spa, società di vendita di energia elettrica che garantisce ai soci di Retenergie una fornitura 100% rinnovabile
     novembre 2010
 
Con l'installazione dell'impianto fotovoltaico sul tetto del mercato civico del comune di Boves (CN) si raddoppia la potenza installata di cui è titolare la cooperativa. Prima della conclusione del quarto conto energia si raggiunge quota 450 kWp.
            2012
 
 
Si ampliano le offerte di servizi a beneficio dei soci di Retenergie: con la costituzione dei Gruppi Tecnici Locali (dapprima in Piemonte e Liguria, poi anche in Lombardia, Toscana e Marche) è possibile ottenere consulenze, diagnosi energetiche e la progettazione di interventi di riqualificazione energetica a casa propria.
          2012-2013
 
 
Retenergie si accredita come ESCO (Energy Service Company) per poter proporre e sostenere finanziariamente interventi di efficientamento energetico presso edifici pubblici, condomini, piccole aziende e società sportive.
           2013
 
Nuove convenzioni vengono stipulate con le realtà amiche dell'economia solidale: le assicurazioni di Caes, i servizi telefonici e informatici di Livecom, i prodotti di Banca Etica e le pubblicazioni di Altreconomia sono ancora più vicine ai nostri soci. Inoltre Retenergie affianca la società 4U Solution nella sperimentazione del sistema di accumulo di energia elettrica da fotovoltaico progettato e realizzato a Savigliano (CN).
             2014
 
 
Ottenimento della prima concessione idroelettrica: si avvia la realizzazione dell'impianto da 35 kWp a Rancio Valcuvia (VA).
Si apre la raccolta di capitale sociale per la realizzazione dei primi impianti eolici della cooperativa. I cantieri sono pronti a partire in Sicilia e Sardegna.
Retenergie fonda, insieme ad altri soggetti, "è nostra", cooperativa di vendita dell'energia prodotta dagli impianti di Retenergie, con l'obiettivo di chiudere il cerchio produzione-consumo.
            2014